OverBlog

mercoledì 25 aprile 2012

Caponata di mele, per il the Recipetionist di Aprile

caponata alle mele


Quello che segue non è uno dei tanti deliri mattutini della sottoscritta, ma il resconto fedele di un piccolo stralcio di quanto è avvenuto poche settimane fa in quel di Palermo, durante i preparativi della festa di compleanno di Stefania. Oltre a me, c'era anche Stefania di Profumi e Sapori che, da allora, per motivi noti a lei sola, gira coi tappi nelle orecchie, ogni volta che si trova a fare da terzo incomodo fra l'una e l'altra. La invoco a testimone, in caso di contestazioni, assieme a quanti di voi hanno avuto la gioia di conoscere la palermitana più travolgente del mondo, perchè, credetemi, è tutto vero...



"quanti sono? stasera? qui?... e gli intimi, ho invitato, cosa pensavate che facessi, una gran camurrìa per il mio compleanno? solo 46, ne arrivano. E certo che dovete lavorare tutto il giorno, perchè credete che vi abbia fatte venire? Cioè, io vi ho invitato, perchè sono felice di avervi qui. Però, se lavorate tutto il giorno, sono più felice ancora, capito? E poi, ho deciso che faccio il rrrriso rrrrosso di Gualtiero Marchesi. No, non è quello di Menuturistico, è quello di Gualtiero Marchesi. E cosa vuol dire, che son sulla pagina di Menuturistico: c'è scritto rrriso rrrosso di Gualtiero Marchesi? E di Gualtiero Marchesi è. Anzi, lo fai pure tu, anche se io con il rrrriso sono bravissima, ma devo fare altre cose, aspetta che ti prendo lo scatolo del rrrriso per i rrrrrisotti... come, Carnaroli? al nord, lo chiamate Carnaroli? ma avete un rrrriso per i rrrrisotti, voi? e da quando? il rrrriso lidl va benissimo, tutto ci faccio e vien sempre tutto bene, l'ho insegnato anche alla Dora, anzi, è meglio che lo faccia lei che tu non mi sembri mica capace... CRISTIAAAAAAAAANNN, IL TELEFONOOOOOO, è sempre per lui e non va mai a rispondere, 'sto fetuso, CRISTIAAAN, ah, è per me? 'Ciaaaaaaoo, noooo, ma figurati se disturbi, di niente... eeehhh... ahhhh... eeeeehh... e come no, vabbbene, allora ci vediamo stasera, ciaaaaaoo'. IIIIIIIHHHHHH...Quarantotto. Siamo quarantotto. E vabbè. voi non mangerete. Allora, questo rrriso a che punto è? Ci va lo scalogno, giusto? Eccoti lo scalogno. Come, 'quello non è uno scalogno, è un cipollotto?'. A PALERMO, questo si chiama scalogno, quindi qui è uno scalogno. Vero, Stefania, che è così? E come sarebbe a dire che Marchesi scrive in italiano e quando dice scalogno intende scalogno... se qui lo scalogno è questo, questo voleva dire. Il Franciacorta? ci va il Franciacorta? E dove lo ha detto... 'ah, salsa al franciacorta"... ma questo è Menuturistico, mica Marchesi... io ho trovato una ricetta di Marchesi dove ci metteva un altro vino... Non lo spumante frizzantino della lidl, dici? ... ma secondo te, se ne accorgono? secondo me, no... metti quello e quando è cotto esci. MIIIIIIIIII, l'acqua fredda nel rrrrisotto, ma sei matta? Me lo rrrovini tutto, così... e ora, perchè esci? perchè te l'ho detto io, quando è cotto esci??? NOOOOOO, escilo, ho detto, escilo, il rrrisotto, hai capito? Come sarebbe a dire 'belin, ma come parlate, qui a Palermo?'... Italiano, parliamo- e comunque, è venuto buonissimo, il rrrrisotto che ho fatto IO..."

caponata alle mele


La Caponata di Mele è una delle ricette più amate di Stefania. Ogni volta che la prepara, vedo sguardi che si levano al cielo e lacrime di commozione che sgorgano dagli occhi. Purtroppo, non posso neanche assaggiarne un pochino, perchè se mangio una mela stramazzo al suolo e siccome lei lo sa, la prepara tutte le volte che vado giù. Per far felice mio marito, sia chiaro, che di questo piatto, più che un fan, è un hooligan. Va da sè che l'ultima cosa che avrei voluto fare, per il the Recipetionist di questo mese, era proprio un piatto a cui sono allergica. Ma tutti quelli che mi piacevano li ha presi da qui :-))) e quindi, obtorto collo, mi son dovuta rassegnare. Neanche a dirlo, il marito è stato infelicissimo: ci ho messo troppo sale, ha detto e ripetuto, mentre si è scofanato  il contenuto delle due cocotte che vedete nelle foto, puccetta inclusa. Se ha alzato gli occhi dai piatti puliti è stato solo per il verdetto finale: "Stefania la fa meglio". Mai come il rrriso rrrrosso, però...



6 mele granny smith (io ho usato le Royal Gala, come da modifiche di Stefania)
4 pomodori maturi
4 cucchiai scarsi di zucchero
1 cipolla grande
mezzo sedano (io, una costa grande)
250 gr. di olive verdi di Castelvetrano (io, mi sono dimenticata di comprarle, quindi ho aggiunto dei capperi di Pantelleria)
mezzo bicchiere di olio extravergine d’oliva
mezzo bicchiere di aceto bianco
sale

il resto, è un copia incolla da Cardamomo & Co

Tagliare a cubetti le mele senza levare a tre di esse la pelle. Nel frattempo far bollire un po’ di acqua e gettarvi i pomodori per spellarli. Tagliare il sedano a pezzetti e a fettine la cipolla. Mettere su un tegame ben capiente l’olio, la cipolla, il sedano e i pomodori anche essi tritati e far soffriggere bene. Quindi aggiungere le mele insieme allo zucchero e l’aceto. Coprire il tegame con un coperchio trasparente, lasciando uno spiraglio con un mestolo inserito fra il tegame e il coperchio. Lasciar cuocere per 5 minuti circa e quindi aggiungere le olive denocciolate e lasciar cuocere per un altri 10 minuti. Servire a temperatura ambiente. Si conserva a lungo grazie alla presenza dello zucchero e dell’aceto.

A stasera, con la frangipane di Valeria!
Ale



42 commenti :

  1. che idea splendida è la prima volta che sento parlare d i caponata di mele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io, quando Stefania l'ha servita la prima volta, non ne avevo mai sentito parlare. Ma da quel momento, è diventato un tormentone, da tanto è buona, versatile, veloce e pure più leggera della versione tradizionale!

      Elimina
  2. Ma dai...la caponata di mele?!
    Troppo interessante per non provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. difatti: provala, perchè è un'esperienza da fare!

      Elimina
  3. Ma questa è strepitosa...mi era scappata dalla ricerca nel blog di Stefy, anche se non l'ho ancora assaggiata, penso che potrei diventare un hooligans , come tuo marito!!! buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa che io non la posso mangiare. ma oggi mia figlia (che disdegna le verdure) si è servita tre volte!! è molto semplice e più rapida della caponata tradizionale ed anche un po' meno fritta... insomma, hooligans a vita!!!

      Elimina
  4. Allora: ho dovuto interrompere piu' volte la lettura del post, perche' avevo gli occhi appannati dalle lacrime e le convulsioni dal ridere...mi e' anche andata di traverso la saliva, con conseguente parossismo di tosse...il tutto sotto gli sguardi attoniti e sinceramente preoccupati della famiglia, che ormai temo stia progettando il mio internamento in un istituto di igiene mentale...
    La caponata di mele, mi si perdoni l'ignoranza, mi giunge nuovissima, ma noi le mele in versione salata le amiamo alla follia, quindi non tardero' a provarla...poi vi diro'...Oh mamma!!...adesso mi rileggo il post un altro paio di volte. Ale, you just made my day!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che chi makes my day, nel mio caso, è Stefania. Ogni tanto chiudo tutto e scappo a Palermo, dove c'è il mio rehab personale, da lei e da Salvatore e dai suoi tre ragazzi che sono uno meglio dell'altro. E da quando c'è anche "l'altra" (quella simpatica), la terapia è completa :-)

      Elimina
  5. ahhahahahhahahahahhaha sto a amuri dal ridere ahahhahahahahahhah troppo forti :D

    RispondiElimina
  6. Cavoloni.... mi era scappata questa ricetta, devo rimediare, se non per il contest, per la mia gioia interiore dopo averla mangiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la gioia interiore è più che assicurata, Sara: è uno spettacolo!

      Elimina
  7. non riesco neanche a copmmentare. sono piegata in due!!
    ahahaha!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, confesso. l'ho scritta pensando anche a te .-))))

      Elimina
  8. a parte che io stramazzerei stecchita solo al pensiero di avere 48 persone da sfamare, poi che non è di secondaria importanza dovrei pensare a delle carrucole per appenderne una parte ai soffitti di casa perchè solo dividendole fra sopra e sotto riuscirei a farcele stare tutte!
    ma come si fa ad avere QUARANTOTTO persone a mangiare se non si ha un ristorante?
    confermo, bioniche!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo serissima: Stefania è unica anche in questo. Non solo ha invitato 46 persone e ha preparato per 100, ma ha fatto sentire tutti gli ospiti d'onore, nessuno escluso. quando dico che l'ospitalità siciliana ha una marcia in più, non intendo riferirmi a lei: le sue, di marce in più, vanno a multipli di mille. e ti assicuro che ogni volta ci sorprende

      Elimina
  9. Sto ridendo come una scema.. da sola.. con la porta della cucina chiusa!
    Solo dopo averla conosciuta SO che quanto racconti è senza dubbio la sacrosanta verità... vedrai che Gualtiero la telefona e le chiede dopo quando deve uscire il risotto!!!
    Buona giornata!!!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando Gualtiero le telefonerà, lei gli spiegherà anche come preparare quello con la foglia d'oro. Che lì è veramente il suo campo :-)

      Elimina
  10. Dopo aver svelato tutti i segreti di famiglia, ti dico subito che a Palermo si parla come si mangia... cioè benissimo!
    P.s. Giulio for president!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da te, si mangia benissimo. hai pure convertito la Carola alla caponata,oggi... e la mia NON era come quella di Stefania, sia chiaro...:-)

      Elimina
  11. ahahhaha camurria, proprio in palermitano stretto scrissi.
    Voi due mi fate morire.
    Questa caponatina mai la vidi, la farò.

    RispondiElimina
  12. ma come si mangia la caponata di mele? come contorno...chutney?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come antipasto o come contorno. Non è un chutney, ma proprio una caponata, con le mele al posto delle melanzane.

      Elimina
  13. ahahahahaha sto morendo dal ridere...imagino la scenetta!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa a noi, che ci siamo finite dentro!!!! :-)

      Elimina
  14. Cominciare una giornata di festa come oggi, con il sole e poi fare delle grande risate leggendoti, non ha prezzo!!!
    Perché è vero, lei è proprio così!

    Adesso, quando mi calmo e finisco di ridere vado a concentrarmi e lego la ricetta!
    besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non oso pensare a cosa sarebbe successo, se ci fossi stata anche tu :-)

      Elimina
  15. LA cosa più bella (oltre alla caponata alle mele che amo da quando Stefaniuccia ce la preparò a dicembre) è chje mentre leggevo immaginavo tutto con la sua voce..... mi ha fatto morire.

    Sappi quindi che si dice arancinO ....perchè qui a Catania il risotto per risotti è il Carnaroli e che lo scalogno è lo SCALOGNO, non il cipollotto...ahahahahahah

    RispondiElimina
  16. A dirla tutta io ricordo anche un "Cristiaaaaaaaaaan, portami il sale. Perchè mi hai portato il sale? ti avevo chiesto la carta forno!"
    ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, appunto :-)
      tu sì che sei una fedele testimone .-)

      Elimina
  17. P.S. Anonimo: la caponata di mele si mangia esattamente come la classica caponata: col pane!

    RispondiElimina
  18. Mi hai fatto morire con il resoconto della preparazione del rrrriso rrrrosso!!! :O))
    Non avevo mai sentito parlare della caponata di mele, dovrò provarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' soprendente. Oggi che non avevo tempo di cucinare, ho infilato in forno un pezzo di prosciutto, appena cosparso di un velo di senape. L'ho proposta come contorno e mia figlia, che di solito schifa le verdure, si è servita tre volte. E' più versatile della caponata classica e anche da sola è perfetta

      Elimina
  19. Dev'essere davvero buona la caponata di mele. Proverò a farla di sicuro, anche se quella di Stefania sicuramente è meglio. Forse qui al "nod" non siamo capaci di uscire il rrrriso al momento giusto, figuriamoci le caponatine.....
    Cristina P.
    p.s. già singole siete uno spasso, insieme non ne parliamo!

    RispondiElimina
  20. dopo questo post, una cosa è certa: mi fosse mai venuta l'idea di invitarti, tu a casa mia non ci metterai mai piede. e meno che mai nella mia cucina.
    infingarda! traditrice!
    ma come, stefania vince finalmente un contest in vita sua, e tu le fai questo?!?! questa è una pugnalata alle spalle!
    si può sputt@@@@re una così in tutta la blogosfera... pardon... bbbblogosfera?

    RispondiElimina
  21. praticamente sto singhiozzando davanti al computer... mi è preso un attacco di convulsioni... oddddiocheridereeeeeeeeeeee!!!!!! allo "scatolo del riso" ero già stesa... :D :D :D
    non ce la faccio a commentare la ricetta, passo un'altra volta... :D :D :D :D :D

    RispondiElimina
  22. haha haha haha haha ... ma un giorno potrò conoscerla anche io questa donna? troppo forte!

    RispondiElimina
  23. Ottima la caponata di mele da te magistralmente preparata.
    Da palermitana doc, posso aggiungere che esistono almeno 36 ricette di caponata registrate e migliaia di fatto.
    Si parte sempre dalla salsa agrodolce, dall’equilibrio perfetto fra il dolce del miele (oggi zucchero) e l’aspro dell’aceto a cui si aggiungono gli ingredienti. Ad esempio la caponata della baronessa di Carini, prevede anche l’uso di crostacei, frutta fresca e secca, polpo, e cioccolata. L’interpretazione della “caponata” è affidata alla fantasia e creatività del suo esecutore. Oggi si producono caponate anche con il radicchio (verdura decisamente non autoctona!) con pinoli, succo di arancia e zucchero.
    L’equilibrio del dolce/acido un siciliano lo stabilisce non con la grammatura ma usando l’olfatto:annusare mentre si dosa.

    complimenti per il tuo blog!
    silvana

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...